Header Ads

Collegio Ipasvi di Venezia: avviate la selezioni degli infermieri per l'inghilterra


Prima selezione del Collegio Ipasvi che ha scelto 39 tra laureandi e laureati che andranno, regolarmente assunti, a lavorare da gennaio negli ospedali del Lancashire. "Gli italiani hanno talento, passione, sono motivati, preparati e soprattutto sensibili" è la motivazione dei selezionatori inglesi
Un esame di due ore da parte non di un’agenzia di collocamento, ma di quattro infermiere e un incaricato dell’ufficio personale che il Collegio Ipasvi  di Venezia ha  messo in pista per una selezione impeccabile. E 140 infermieri italiani sono pronti a partire per l’Inghilterra, dove hanno  già il posto di lavoro e sanno perfino in che reparto dovranno operare: hanno concordato anche quello.
Gli ospedali inglesi – che nonostante la crisi economica investono nelle assunzioni in sanità perché la salute non deve avere limitazioni - li vogliono italiani  perché “hanno tanto talento, passione, sono motivati, preparati e soprattutto sensibili", come ha dichiarato Mandy Barker, dell’ufficio formazione del Lancashire. E i giovani selezionati dal Collegio lo confermano: hanno dichiarato di aver scelto questa strada con “motivazione e felicità” .

”E’ un importante risultato - spiega Luigino Schiavon, presidente del Collegio Ipasvi di Venezia che ha promosso la selezione - perché viene messa in comunicazione diretta la richiesta proveniente dalle strutture pubbliche inglesi con gli infermieri e rappresenta anche un'opportunità per la ‘generazione Erasmus’ di confrontarsi con nuovi sistemi e affrancare le competenze linguistiche che saranno sempre più utili al loro rientro”.

I posti per questa prima sessione di inserimento in due strutture ospedaliere britanniche – due ospedali da 1.600 posti letto - sono 39  e i giovani vengono da tutta Italia (17 veneti, 11 friulani, 4 toscani e gli altri provenienti da varie città italiane). Per i ragazzi prescelti ci sarà una prima fase di formazione che prevede anche un corso di lingua, quindi subito in corsia o nei reparti che i teacher della Nhs ritengono più adatti alle singole specializzazioni e aspirazioni.
Molti giovani sono laureandi in infermieristica (21, solo 18 sono già laureati) e già hanno così un posto di lavoro assicurato e retribuito con circa 2mila euro al mese e dopo  sei mesi di inserimento nella struttura inglese, potranno scegliere se continuare. In quel caso il contratto diventerà a tempo indeterminato.
  
Dei 680mila infermieri in servizio oltre La Manica (in Italia ce ne sono in tutto 440mila e circa 290mila dipendono dal Ssn), sono 968 quelli italiani. Ora ce ne saranno 39 in più  - selezionati su 45 candidati - e a marzo già si annuncia una seconda selezione sempre a Mestre. “E’ importante ricordare anche che questi giovani entrano in un sistema In cui possono far valere tutte le loro competenze”, conclude  Schlavon.


Nessun commento

Grazie per il tuo commento. Quotidiano Infermieri

Powered by Blogger.