Header Ads

Inaugurato il quinto master per infermiere di famiglia e di comunità




Si è svolta venerdì 6 dicembre 2013, nell’Auditorium del Polo Didattico e Formativo di S.Maria a Colle nel complesso di Maggiano, l’inaugurazione della quinta edizione del Master in Infermiere di famiglia e di comunità, anno accademico 2013/2014, coincisa con la presentazione delle interessanti tesi degli studenti della terza edizione.

Grazie alla collaborazione tra la Facoltà di Medicina e Chirurgia di Pisa e l’Azienda USL 2 di Lucca è stato infatti attivato quattro anni fa - come primo del genere in Toscana e uno dei pochi a livello nazionale - il Master di primo livello per la formazione di questa nuova figura che è andata ad arricchire il settore delle cure primarie.

L’importanza dell’iniziativa è stata evidenziata dal direttore del master Mario Giusiani, dal direttore sanitario dell’Azienda USL 2 Lucca Joseph Polimeni, dal presidente dell’Ordine dei Medici di Lucca Umberto Quiriconi, dal presidente del collegio infermieristico IPAVSI di Lucca Maria Cristina Orsi, dal coordinatore amministrativo Dipartimento Integrato Interistituzionale Università di Pisa Claudia Cimino, dalla dirigente delle attività didattico-formative dell’Azienda USL 2 Lucca Manuela Ricci, dal tutor didattico del master Teresa Porta e da alcuni medici di medicina generale.

Nel corso della giornata gli infermieri laureati che hanno partecipato alla quarta edizione del Master hanno presentato e discusso le loro tesi di laurea, incentrate proprio sull’organizzazione e sulla rete dei professionisti al servizio della famiglia e della comunità.

Sul territorio dell’Azienda USL 2 la figura dell’Infermiere di Famiglia e di Comunità è presente già da cinque anni e può quindi esprimersi come professionista che opera in collaborazione con il medico di medicina generale.

La sua funzione primaria è stata quella di assicurare la continuità assistenziale sia in ambito domiciliare, sia in quello ambulatoriale, fornendo i servizi più richiesti dagli utenti e diventando un punto di riferimento per la comunità anche per quanto riguarda l’informazione sanitaria, la prevenzione, la promozione della salute e l’accesso ai servizi che l’Azienda sanitaria mette a disposizione dei cittadini.

In questo periodo di sperimentazione sono stati ovviamente riscontrati anche alcuni punti di criticità, legati soprattutto ad aspetti organizzativi, che saranno oggetto di azioni di miglioramento.

Per assumere il nuovo ruolo è necessario, ovviamente, essere infermieri, quindi aver conseguito la laurea in Scienze Infermieristiche e poi seguire un’ulteriore formazione ad hoc, quella garantita attraverso il Master presente a Lucca, che offre competenze adeguate per svolgere questa attività. Importante è poi la fase del tirocinio, in cui si fa esperienza sul campo delle tecniche apprese a lezione, che viene effettuato nelle strutture assistenziali lucchesi o comunque in quelle dell’area vasta nord ovest.

Il centro formativo di Santa Maria a Colle sta assumendo intanto un ruolo sempre più importante non solo nella comunità lucchese ma anche negli ambiti di Area Vasta e regionale, anche perché da tempo Lucca è stata scelta dalla Regione Toscana come centro di riferimento per la formazione.

Nessun commento:

Grazie per il tuo commento. Quotidiano Infermieri

Powered by Blogger.