Header Ads

Errato posizionamento del sondino nasogastrico: Responsabilità dell'infermiere!

Un Infermiere viene tratto a giudizio per rispondere di omicidio colposo in danno di una anziana paziente ricoverata in ospedale per un episodio ischemico cerebrale perché, nonostante si fossero già presentati problemi nell’inserimento di altro sondino, non effettuava una fibrolaringoscopia (o non si accertava del corretto posizionamento in epigastrio -nota IF-) e posizionava erroneamente il nuovo sondino (necessario per l’alimentazione) invadendo la trachea, così provocando una insufficienza respiratoria acuta da polmonite "ab ingestis" causa del successivo decesso dell’interessata avvenuto oltre quattro mesi dopo l’erronea condotta.
L’imputato viene condannato in primo grado alla pena di nove mesi di reclusione (ridotta a sette mesi in appello), oltre al risarcimento dei danni, in solido con il responsabile civile (l’ospedale in cui lavorava l’infermiere), in favore della costituita parte civile.
L’infermiere ricorre in cassazione e la Suprema Corte, con la sentenza penale n. 2628/2012, depositata il 28/05/12, ha annullato la sentenza d’appello essendosi prescritto il delitto di omicidio colposo, ma ha confermato le statuizioni civili di condanna al risarcimento del danno.
La Cassazione, infatti, ha ritenuto che dalle argomentazioni svolte dai giudici di merito, erano emersi elementi attestanti la condotta colposa dell’imputato e l’esistenza del nesso di causalità tra tale condotta e l’exitus della paziente.
La Suprema Corte, in particolare, ha affermato che il consulente del P.M. aveva ricostruito in modo esaustivo l’errata manovra eseguita dall’imputato nella collocazione del sondino naso gastrico nella trachea dell’anziana paziente anziché nello stomaco e la conseguente lesione bronchiale provocata.
Anche il nesso di causalità, secondo i giudici della cassazione, è stato ricostruito in modo credibile sul piano razionale alla luce del comportamento errato tenuto dall’imputato nella fattispecie.
La Corte d’Appello, in effetti, aveva evidenziato non solo l’errato posizionamento del sondino, ma anche il non corretto successivo controllo sul suo posizionamento che, se ben eseguito, avrebbe permesso il sollecito riconoscimento dell’errore commesso che certamente aveva avuto un ruolo concausale nel decesso dell’ammalata.

Fonte: cgems.eu

4 commenti:

  1. Caro Pierluigi, non ce niente da fare, siamo dei professionisti, vogliamo essere professionisti e come tali abbiamo delle competenze e responsabilità, e come tali dobbiamo risponderne.
    Certo è che si potrebbe evitare l'azione penale come invocano diversi medici durante la loro attività, ma, purtroppo alcuni legali sembra che se non puntino al penale non siano contenti, quando basterebbe richiedere un risarcimento danni da un punto di vista civile, perchè io non credo assolutamente che ci sia del dolo da parte del nostro collega.
    Allora mi domando perchè nel penale?....la nostra assicurazione potrebbe risarcire il danno senza creare danni alla fedina penale....insomma,,,,

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perchè i processi penali sono molto più veloci,un procedimento civile può andare avanti anche sei anni solo per il primo pronunciamento!

      Elimina
    2. Tutto ciò per 4 maledetti soldi ed essere considerati come dei jolly tuttofare

      Elimina
  2. ciò che l'infermiere fa, è sempre visibile; quello che fa il medico è sempre dotto,ovvero invisibile!

    RispondiElimina

Grazie per il tuo commento. Quotidiano Infermieri

Powered by Blogger.