Header Ads

Infermiere condannato a 3 anni: drogava le pazienti e poi ne abusava




Drogava le donne malate e poi ne abusava. Una di loro però si è svegliata e l' ha riconosciuto. Un episodio del 2008 per il quale qualche giorno fa è stata emessa una condanna a 3 anni e 4 mesi di reclusione per violenza sessuale a un infermiere dell' ospedale Sant' Eugenio. L' HA drogata. Ha aspettato che il sonnifero sortisse l' effetto. Poi ne ha abusato. La vittima però si è ripresa e ha riconosciuto l' infermiere del reparto del Sant' Eugenio. Dopo richieste incessanti, tre donne ricoverate nella stessa stanza del Sant' Eugenio, avevano accettato dall' infermiere un sonnifero «per dormire meglio la notte». Erano le 21.30 dell' otto giugno 2008. E un sonno profondo avvolse le donne. Forse un errore nel calcolare la dose o le mani dell' infermiere che la toccavano sta di fatto che la donna stordita (difesa dall' avvocato Massimiliano Carbone) aprì gli occhi. La vittima non urlò e si girò nel letto. L' infermiere sgattaiolò via. La donna allora cercò di svegliare la compagna di letto. Ma non ci fu niente da fare. Poi chiamò dal cellulare i genitori: «Aiutatemi». Infine barcollando nei corridoi dell' ospedale trovò dei medici che la soccorsero. Nel frattempo i genitori si erano precipitati al Sant' Eugenio. Ma nella sua stanza la figlia non c' era. Trovarono tuttavia un infermiere: «I miei gli chiesero dove fossi. Lui si allontanò senza rispondere».

Nessun commento:

Grazie per il tuo commento. Quotidiano Infermieri

Powered by Blogger.